back to » Centrale

Sardegna: Capo Coda Cavallo-Cala Suaraccia

Tavolara, Punta Spalmatore Tavolara, Punta Spalmatore Maurizia Novelli
(0 Voti)

Poco più a S del Golfo di Olbia, tra Capo Ceraso e Punta Sabbatino, la costa si fa molto frastagliata e, grazie anche alla presenza delle isole Tavolara e Molara, offre una serie di ridossi piacevoli e sicuri anche se molto conosciuti, apprezzati e affollati sia da bagnanti che da imbarcazioni.

Ho indicato i più conosciuti e sicuri sulla seguente immagine dal satellite.

capo coda cavallo 2 generale earth

 

Area Marina Protetta di Tavolara e Capo Coda Cavallo

Prima di tutto, prima di navigare in questa zona, occorre tener presente che vi è stata istituita l’Area Marina Protetta di Tavolara e Capo Coda Cavallo.

Riporto di seguito la zonizzazione della AMP e la relativa normativa.

capo coda cavallo 3 amp zonizzazione

capo coda cavallo 4 amp regolamentazione

Per ulteriori informazioni sulla AMP, andare al sito.

Le insenature a N e a S di Capo Coda Cavallo sono comprese in Zona C (riserva parziale) e la regolamentazione per la navigazione e l’ancoraggio non sono particolarmente restrittive.

Prestare solo attenzione alla velocità quando si naviga a motore e ad evitare di ancorare su posidonia.

Occorre anche prestare estrema attenzione alle molte secche che costellano l’intera zona e la cui posizione ho approssimativamente indicato nella seguente immagine dal satellite.

capo coda cavallo 5 dettaglio earth

 

Avvicinamento, pericoli

Come si vede bene dalla mappa precedente, l’intera zona è costellata da secche.

Provenendo da N, mantenersi prima di tutto ben al largo di Capo Ceraso dal quale sporgono abbondantemente secche rocciose in direzione NE, segnalate da mede.

Prestare grande attenzione anche in prossimità di Punta Spalmatore di Tavolara.

Ho approssimativamente indicato in giallo la rotta da seguire per arrivare a Cala di Capo Coda Cavallo.

Resta inteso che è indispensabile navigare consultando carte nautiche/GPS.

Ancoraggio di Cala di Capo Coda Cavallo

L’insenatura, delimitata ad E da Capo Coda Cavallo e dall’Isola Proratora e ad W da Punta Lastra Ruia, è ben ridossata da SW, S, SE, E.


capo coda cavallo 6 dettaglio ancoraggio earth

 

Il fondo, prevalentemente sabbioso e parzialmente ricoperto da chiazze di posidonia, digrada abbastanza dolcemente verso il largo.

Ancorare preferibilmente su 5-6 metri.

Le sacche di sabbia sono piuttosto ampie e ben riconoscibili grazie alla limpidezza dell’acqua.

L’insenatura è in grado di ospitare parecchie imbarcazioni.

capo coda cavallo 7 ancoraggio

 

Con forti venti dei settori meridionali Capo Coda Cavallo ripara bene dal moto ondoso, ma poiché è piuttosto basso, la rada risulta comunque sferzata da raffiche piuttosto intense.

L’insenatura è molto apprezzata e conosciuta, e di conseguenza di giorno è molto disturbata dal traffico di piccole imbarcazioni a motore: in alta stagione diventa difficile anche solo raggiungere a nuoto la spiaggia.

Servizi a terra

La spiaggia che la orla a SE è parzialmente attrezzata ed è provvista di un chiosco bar.

Possibile raggiungere in tender la piccola spiaggia Proratorella sull’Isola Proratora.

La spiaggia è molto conosciuta e di conseguenza molto affollata anche dai bagnanti.

capo coda cavallo spiaggia new

Un corridoio di lancio consente ai tender, che però non si possono lasciare sulla spiaggia, di arrivare a terra.

capo coda cavallo corridoio new

Sul lato NW della rada è posizionato un piccolo pontile dove avevamo comodamente ormeggiato il tender.

capo coda cavallo 8 pontiletto new

 Dalla base del pontiletto parte un sentiero che consente, con una breve passeggiata, di raggiungere un suggestivo punto panoramico sulla insenatura.

capo coda cavallo 8 panorama

 

Ancoraggio di Cala Suaraccia

Questa piccola insenatura è situata immediatamente ad W di Punta Lastra Ruia e della Cala di Coda Cavallo precedentemente descritta.

capo coda cavallo 9 cala suaraccia dettaglio earth

 

La parte più interna della insenatura è ostruita da gavitelli dedicati a piccole imbarcazioni.

Quindi è necessario ancorare un po' esternamente.

Calare l’ancora su un fondo di 8-10 m cercando di rimanere sulla ampia sacca sabbiosa che si protende centralmente.

L’identificazione della zona sabbiosa è facilitata dalla estrema limpidezza dell’acqua.

Noi anni fa abbiamo sostenuto in questa posizione una forte sciroccata di due giorni.

A terra un complesso di ville digradanti sulla collina (Residence Le Farfalle).

Bella vista su Tavolara,

capo coda cavallo 10 ancoraggio

 

L’insenatura è ben ridossata da flussi di SW, S, SE, ma è aperta a venti settentrionali.

Nel caso di brezze da NW è possibile spostarsi a SE di Punta Spalmatore sull’Isola di Tavolara e se il maestrale rinforza si può trovate un riparo migliore a Porto Brandinchi, ancoraggio che ho abbondantemente descritto in un articolo dedicato, al quale rimando.

share this item
facebook googleplus linkedin rss twitter youtube
item hits
Letto 264 volte