back to » Centrale

Isola d'Elba - Nord

Isola d'Elba Isola d'Elba Maurizia Novelli
(2 Voti)

Ci è capitato molto spesso e con gran piacere di far scalo all'Isola d'Elba durante i nostri spostamenti verso il sud Italia.

Infatti l'isola d'Elba è generalmente molto apprezzata dai diportisti, in quanto le sue coste sono molto  frastagliate e quindi forniscono numerosi ancoraggi e ridossi, utilizzabili anche per passarvi la notte.

Particolarmente utile, ai fini della navigazione, è che i ridossi sono presenti sia a nord, sia a est, sia a sud, quindi si riesce a trovare riparo praticamente da qualunque direzione provenga il vento.

Queste sue caratteristiche, unite alla sua vicinanza alla costa toscana, fanno si che l'isola sia molto battuta dal turismo nautico.

elba 2 generale earth

Il ridosso più completo sulla costa nord dell'Isola d'Elba è la rada di Portoferraio.

L’arrivo a Portoferraio, tra l’altro, è sempre molto suggestivo.

Rada di Portoferraio

elba 3 rada portoferraio

Avvicinamento Pericoli

Giungendo a Portoferraio da W, bisogna passare a più di 400 metri al largo di Capo Bianco, per evitare la pericolosa secca di Capo Bianco, che è segnalata da una meda cardinale nord di colore giallo, non molto visibile da lontano (foto seguente).

elba 4 meda capo bianco

elba 5 secca capobianco earth

Il traffico di traghetti  ed aliscafi è intenso, evitare in tutti i modi di ostacolarne le manovre.

Nella seguente fotografia dal satellite, a NE si individua l'approdo turistico Darsena Medicea (gestito dalla società Cosimo de' Medici) , più a ovest le banchine dei traghetti e infine nella parte più a sud ovest, un campo boe (indicato con il simbolo di una boa rossa) e per ultima la zona dove ancorare, indicata con il simbolo dell'ancora.

elba 6 rada portoferraio earth

Ancoraggio in rada

Nel caso in cui non si voglia entrare in porto, la rada, molto ampia, costituisce un'utile alternativa, con venti di W, NW, SW.

Con venti da N o da E si insinua una maretta fastidiosa che rende scomoda la sosta.

L'ancoraggio di giorno è disturbato dal continuo passaggio di traghetti, ma la notte risulta tranquillo.

Dare ancora sui 3-5 metri di fondo, in chiaro dall'area di manovra dei traghetti.

elba 7 portoferraio rada

Il fondo è fangoso, non ovunque buon tenitore, accertarsi che l'ancora abbia ben agguantato.

Non avvicinarsi troppo a terra, in quanto i fondali risalgono rapidamente.

Nel caso si voglia rimanere in rada con maggiore tranquillità, si può ormeggiare campo boe situato tra San Giovanni, il cantiere Esaom e la banchina più meridionale della Moby , il cui responsabile è contattabile al numero  +39 335 373576.

(per ulteriori informazioni circa i campi boe all'Elba vai al sito)

Consigli

Tener conto del fatto che all'isola d'Elba è vietato lasciare la barca da sola all’ancora e scendere a terra, quindi attenzione ai controlli e alle multe, che sono molto salate.

Soprattutto nel caso di vento forte, escono i gommoni e le motovedette della capitaneria di porto, sia per dare aiuto alle imbarcazioni che hanno dei problemi, sia per controllare che l'equipaggio sia a bordo.

Provviste

Con il tender, lasciando beninteso qualche membro dell'equipaggio a bordo,  si può facilmente raggiungere la parte nord della rada, a ovest delle banchine dei traghetti, dove basta attraversare la strada per trovare un grosso supermercato Coop nel quale fare una cambusa completa.

Ormeggio in porto a Portoferraio: Darsena Medicea

Tel. +39 0565 944024

Tel. +39 0565 914121

VHF 9

In caso di tempo veramente cattivo, un ridosso sicuro è quello della Darsena Medicea che offre un ormeggio nel cuore della parte vecchia di Portoferraio, in una cornice suggestiva.

Prolungati venti da S e SE provocano risacca in porto.

In tal caso consigliamo di prestare attenzione alle cime di ormeggio.

Dato che gli anelli di ormeggio sono arrugginiti, se le cime sono morbide, rischiano di tagliarsi.

Accesso

Si entra e si esce in porto tenendo la sinistra, a differenza della norma generale.

Il personale risponde al VHF solo quando si è arrivati nelle immediate vicinanze dell'ingresso.

In piena estate non è facile trovare posto, e a luglio e agosto non sono accettate le prenotazioni, quindi conviene arrivare presto.

Negli altri mesi si può prenotare.

 elba 8 darsena medicea

Servizi

Ormeggiatori (escono con un canotto e prestano assistenza all’ormeggio).

Corpi morti rimandati in banchina.

Colonnine per acqua e luce.

Quello di cui si sente la mancanza sono i servizi igienici e le docce.

(Bisogna andare fino alla piazza del paese, al Diurno, dove ci sono docce e bagni pubblici, a pagamento, aperti solo di giorno).

Raccolta differenziata dei rifiuti.

Per ulteriori informazioni, vai al sito.

Rifornimenti

Se si vuole solo fare acqua è possibile, previa chiamata al VHF Ch 9, accostare a una banchina e fare rifornimento idrico, seguendo le indicazioni del personale del marina.

Il distributore di carburante è posizionato a sinistra, entrando nel marina, ed è molto comodo.

Orario del distributore: estivo 8-19,30 invernale 7,30-12,30 15-19 domenica chiuso.

Numero di telefono del distributore +39 0565 914021 abitazione +39 0565 915254.

Consigli

Tenere presente che in piena estate l'acqua può venire razionata durante il giorno, quindi riempire i serbatoi appena possibile senza aspettare la mattina prima di partire, perché se no si rischia di dover rimandare l'orario di partenza.

Se si è molto gelosi della propria privacy e si vogliono evitare le occhiate curiose dei turisti non sempre discreti, basta ormeggiare di prua.

Informazioni

Durante la giornata, poiché la banchina si affaccia direttamente sulla strada, il traffico può essere un po' fastidioso, ma la sera viene istituita una zona di isola pedonale e l'atmosfera si fa veramente piacevole.

Provviste

All'interno del paese, a pochi passi dal porto, ci sono negozi dove è possibile fare buoni rifornimenti, in particolare si segnalano una buona pescheria, una panetteria, una macelleria, un piccolo supermercato a pochi passi dal marina.

Dei pescherecci vendono direttamente il pesce sulla banchina del porto.

Volendo si può anche raggiungere comodamente il grosso supermercato Coop, situato oltre le banchine dei traghetti, un po' in periferia, utilizzando i bus navetta che partono dalla Darsena Medicea.

Dove mangiare

Non mancano i locali dove gustare un buon gelato, sorseggiare un aperitivo, cenare.

Quando andiamo a Portoferraio, amiamo cenare alla Osteria Da Libertaria, telefono 0565 914978, Calata Matteotti 12.

Anni fa si trattava di una vera osteria e l'oste, massiccio e un po' burbero, era una figura caratteristica di Portoferraio che proponeva una cucina piacevolmente casalinga.

Da qualche anno la gestione è cambiata e la cucina vuole essere più raffinata. La cosa che comunque è veramente piacevole è cenare seduti a uno dei due lunghi tavoli che si affacciano sul porto. Visto che di posti a sedere ce ne sono pochi, se si vuole cenare fuori ammirando la suggestiva vista sul porto, è assolutamente necessario prenotare con un po' di anticipo.

Infatti è molto meno gradevole cenare ai tavoli posizionati nella piazza interna.

Abbiamo anche cenato al ristorante Stella Marina, vicino alle banchine dei traghetti, buona cucina di pesce, rapporto qualità prezzo adeguato, telefono 0565 880566, via Vittorio Emanuele II.

Cosa vedere a Portoferraio

Basta percorrere a piedi le stradine e le scalinate del centro storico per allontanarsi dal rumore e dalla confusione e immergersi in un'atmosfera di altri tempi.

elba 9 portoferraio scorcio

Con una breve passeggiata si raggiungono i Bastioni Medicei, dai quali ammirare uno splendido panorama sulla rada e sulla città.

Nella zona alta del centro storico merita una visita la Palazzina dei Mulini, residenza “di città” di Napoleone durante la sua permanenza elbana.

elba 10 palazzina mulini

Si può poi raggiungere facilmente (con un bus che parte dal piazzale dietro le banchine dei traghetti) il Museo Villa Napoleonica, che avrebbe invece dovuto essere la “maison rustique”, ossia la residenza estiva dell'imperatore, posta in località San Martino.

Questo museo  merita certamente una visita.

elba 11 museo

elba 12 museo

E' anche possibile affittare un motorino o un'auto per fare un giro a terra di tutta l’isola.

In tal caso, da non perdere è una puntata al borgo di Marciana.

A poca distanza da Marciana vale la pena una visita al Monte Capanne dove la Cabinovia di Monte Capanne, in 18 minuti, porta i turisti da 346 m a 963 m sul livello del mare.

Per informazioni ed orari chiamare il numero +39 0565 901020.

Dalla cima del monte la vista è mozzafiato: oltre l'isola d'Elba si possono ammirare le isole dell'arcipelago toscano e la Corsica, per non parlare della costa toscana.

 

Porto di Marciana Marina

VHF Ch 9

Tel +39 340 7960008

 elba 13 marciana

Uno scalo a Marciana Marina, soprattutto in previsione di venti di S e SW, è davvero piacevole.

Venti tesi di E, NE, SE provocano maretta in porto.

Se tali venti rinforzano a burrasca, l'ormeggio può diventare insostenibile.

Per ulteriori informazioni, vai al sito.

 elba 14 marciana earth

Anni fa in porto era necessario dare ancora e poi portare le cime a terra, sul molo di sopraflutto.

Ora il porto è completamente attrezzato con corpi morti e sono stati aggiunti dei pontili galleggianti per aumentarne la capienza.

Accesso: attenzione a una boa arancione a 200 m dal fanale verde, rilevamento 90°.

Ancoraggio in rada

Possibilità di dare ancora appena a E dell'ingresso del porto.

Rifornimenti e servizi

Distributore di carburante in banchina, ma i fondali sono bassi.

Per una barca a vela bisogna rifornirsi con taniche.

Prese di acqua e di corrente elettrica.

Provviste

Negozi ben forniti, mercato del pesce e una buona pescheria.

Dove mangiare

Molti i buoni ristoranti e le pizzerie.

Golfo di Procchio, di Biodola, di Viticcio

Tra Marciana Marina e Capo d'Enfola si aprono tre golfi riparati da flussi meridionali, aperti a maestrale, che offrono ancoraggi piacevoli, acque chiare, fondo sabbioso.

elba 15 procchio biodola viticcio earth

Golfo di Procchio

Tra le tre, è l'insenatura più a Ovest, quella che si incontra per prima provenendo da Marciana.

Ridossata da S, SE.

L'accesso è libero da pericoli e le profondità all'ingresso sono di 8-10 m.

Fondo sabbioso alghe sparse.

La costa Sud dell'insenatura è orlata da una bella spiaggia attrezzata, molto frequentata dal turismo di terra.

La parte più a est è ingombra di ormeggi permanenti.

Prestare attenzione ai numerosi bagnanti.

Un ancoraggio più tranquillo è quello a est dell'Isola Paolina.

elba 16 procchio earth

Golfo di Biodola

Riparato da E, SE.

L'accesso è diretto, senza pericoli.

Ancorare davanti alla spiaggia, dove il fondale decresce lentamente.

L'acqua è chiara e il fondo sabbioso.

Rispettare i limiti per la balneazione.

E' anche possibile ancorare davanti alla spiaggetta visibile più a ovest, su 7 m, fondo di alghe.

elba 17 biodola earth

Golfo di Viticcio

Abbiamo sostato diverse volte a Viticcio e sempre piacevolmente.

La rada è protetta da venti da E, SE

elba 18 viticcio earth

La parte più a nord del Golfo di Viticcio offre un ridosso parziale da venti da N.

L'ancoraggio più a Est è quello più gradevole, poiché il fondo è costituito da sabbia chiara.

elba 19 viticcio

Ancorare sui 6-8 m di fondo, su sabbia.

Se si vuole ancorare più a nord, stare sui 7-9 m di fondo, su alga, a SSW del moletto di cemento.

In tal caso prestare attenzione al fatto che la costa a SE del moletto presenta fondali rocciosi e irregolari.

elba 20 viticcio

A terra un campeggio con bar e un piccolo negozio per spese essenziali.

Un rubinetto d'acqua dal quale si può fare un parziale rifornimento con le taniche.

share this item
facebook googleplus linkedin rss twitter youtube
item hits
Letto 3164 volte